Centro di Ricerca sull'Educazione ai Media all'Informazione e alla Tecnologia

Formazione e sperimentazione sugli EAS a Sesto S. Giovanni in dirittura d’arrivo

Formazione e sperimentazione sugli EAS a Sesto S. Giovanni in dirittura d’arrivo 31 maggio 2018

Si sta per concludere il percorso di formazione e sperimentazione “Progettare per competenze con gli Episodi di Apprendimento Situato (EAS)”, avviato nell’a.s. 2017-18 presso 7 Istituti Comprensivi di Sesto S. Giovanni e coordinato da Livia Petti e Serena Triacca.

In coerenza con quanto negoziato con i Dirigenti Scolastici, il percorso ha visto i 304 insegnanti coinvolti – afferenti alla scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado – impegnati nella progettazione di EAS in piccolo gruppo e nella relativa sperimentazione in classe.

L’obiettivo condiviso è stato quello di comprendere le ricadute del metodo e le implicazioni sull’azione didattica, socializzandole con il formatore e i colleghi in un incontro di debriefing conclusivo.

Il percorso è stato avviato da un incontro in plenaria tenuto da Alessandra Carenzio e svoltosi in ciascuno dei 7 Istituti Comprensivi al fine di delineare il framework teorico del metodo. Il testimone è poi passato ai 7 coach, che nelle diverse scuole hanno supportato gli insegnanti nella progettazione di un EAS, tra novembre 2017 e aprile 2018.

Una volta completata la progettazione, gli insegnanti hanno sperimentato il proprio EAS in classe. A supporto della sperimentazione sono stati dotati di un Diario, nel quale documentare l’esperienza e riflettere tramite alcune domande-guida; il materiale è stato oggetto di condivisione e riflessione in un incontro di debriefing.

In linea con l’approccio tipicamente adottato da CREMIT, gli incontri hanno avuto un taglio prevalentemente laboratoriale; i gruppi, costituiti da non più di 25 insegnanti, sono stati accompagnati dal formatore-coach anche online, tramite uno spazio cloud in Google Drive.

Sono stati messi a punto e somministrati agli insegnanti due questionari: uno iniziale, per mappare le pratiche didattiche esistenti, e uno finale, volto a comprendere l’applicabilità e la replicabilità della proposta. Restituiremo in un articolo dedicato i dati più interessanti.

Inseriamo di seguito un’infografica riassuntiva con alcuni elementi-chiave del Progetto.

 

Produzione riservata
Commenti