Centro di Ricerca sull'Educazione ai Media all'Informazione e alla Tecnologia

“Quale futuro per la scuola in Italia?” Il convegno del 17 febbraio

“Quale futuro per la scuola in Italia?” Il convegno del 17 febbraio 5 febbraio 2018

La Regione Lombardia e FIDAE Lombardia, in collaborazione con la Fondazione Carlo Manziana e la Fondazione educatori del terzo millennio del centro scolastico Giovanni Paolo II, organizzano il convegno pensato per chi si sta già interrogando oggi su Quale futuro per la scuola in Italia?

L’evento, aperto a tutti e senza obbligo di iscrizione, è il 17 febbraio 2018 presso il Palazzo Pirelli (Via F. Filzi, 22, Milano), nella Sala Pirelli e prevede l’intervento subito dopo l’apertura dei lavori del nostro Direttore scientifico, il Professor PIER CESARE RIVOLTELLA, e di altre personalità di spicco. Qui di seguito, un loro breve profilo.

SANDRO FORMICA. Professore alla Florida International University, di Miami, dove insegna «Leadership», «Personal Empowerment» e «Managing Self and Others», corsi che ha tenuto e tiene anche presso Università italiane come la Bocconi di Milano. Il suo lavoro si concentra sui valori fondamentali, i bisogni umani, le emozioni, i propositi di vita, l’immaginazione per favorire la conoscenza di se stessi e contribuire a definire il proprio proposito di vita e il proprio ruolo nella società. Utilizza strategie didattiche altamente esperienziali, non tradizionali; è anche un life coach. E’ autore di numerose pubblicazioni.

PAOLO COLLI. Pedagogista, formatore, counsellor pedagogico. Docente di Pedagogia speciale e Pedagogia sociale corso per Educatori Professionali. E’ stato collaboratore dell’Università Cattolica sedi di Milano e Brescia, Dipartimenti di Psicologia e Pedagogia. Docente tirocinio Scienze dell’Educazione, cultore della materia, docente esercitazioni per gli insegnamenti di Tecnologie dell’Istruzione e Pedagogia sperimentale. Componente del Gruppo Interistituzionale per l’integrazione scolastica regionale del MIUR- Lombardia. E’ autore di numerose pubblicazioni.

GIAMPIERO REDAELLI. Presidente Fism (Federazione Italiana Scuole Materne) Provinciale di Lecco; Presidente FISM Regione Lombardia; componente della Segreteria FISM nazionale (con delega ai rapporti con le FISM Provinciali e regionali). E’ Vice Presidente della Fondazione FISM.

ANNA MONIA ALFIERI. Laureata in Giurisprudenza, ha conseguito il Magistero di Teologia e la laurea in Economia. E’ legale rappresentante dell’ente Casa Religiosa Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline. E’ responsabile dell’ufficio regionale Scuola e Cultura Usmi Lombardia, è Presidente della Fidae Lombardia e membro del Tavolo Permanente sulla Parità, presso Assessorato Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia. Ha incarichi di esperta presso i Tavoli sulle scuole paritarie del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca. E’ autrice di numerose pubblicazioni, articoli ed elaborati sul Sistema Nazionale di Istruzione.

Il compito di moderare il confronto è affidato al direttore del settimanale cremasco “Il nuovo Torrazzo”, Giorgio Zucchelli. Inoltre avremo il piacere di un intermezzo musicale curato dal M° Valeriano Chiaravalle (uno dei direttori dell’orchestra RAI) e di ascoltare testimonianze di studenti e insegnanti.

Qui, di seguito, la locandina del convegno con tutte le info utili e la scaletta degli interventi-testimonianze in programma.

 

 

In chiusura di questo articolo, segnaliamo a chi non avesse potuto partecipare o a chiunque ne fosse interessato il link del video con le interviste post convegno Quale futuro per la scuola in Italia?

 

“Una definizione di scuola”:

PIER CESARE RIVOLTELLA – La scuola è uno spazio di crescita, è un incubatore del futuro, è un’arena dentro la quale costruire la cittadinanza, è uno spazio di trasmissione culturale.

SANDRO FORMICA – La scuola è un laboratorio, dove i ragazzi decidono di creare il proprio futuro. Quindi è un laboratorio preziosissimo e pieno di opportunità per un futuro diverso, non solo a livello individuale, ma di società.

ANNA MONIA ALFIERI – La scuola da sempre è stata il luogo dove i nostri ragazzi, in una sana alleanza educativa fra i genitori e i docenti possano imparare ad essere nel mondo quella voce critica e costruttiva capace di cambiare la società dal di dentro. Quindi la scuola si riconferma il luogo privilegiato per formare, educare, dare una chance alla società italiana. 

L’intervista tripla prosegue con le loro dichiarazioni su come vedono la scuola in Italia oggi e un loro messaggio per i genitori, uno per gli studenti, uno per gli insegnanti e uno per chi ci governerà. 

Produzione riservata
Commenti