Centro di Ricerca sull'Educazione ai Media all'Informazione e alla Tecnologia

Intervista ad Alessandro Sacchella, autore di  Manuale concorso a cattedre per la Scuola dell’infanzia e per Scuola primaria

Intervista ad Alessandro Sacchella, autore di  Manuale concorso a cattedre per la Scuola dell’infanzia e per Scuola primaria 29 Gennaio 2019

Alessandro Sacchella Insegna nella scuola primaria, è supervisore di tirocinio e cultore di «Metodi e strumenti per la sperimentazione educativa» presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica del S. Cuore di Brescia. Svolge attività di formazione presso enti pubblici e privati. Autore e coautore di vari testi scolastici.
E’ autore di Manuale concorso a cattedre. Scuola dell’infanziaManuale per il concorso a cattedra. Scuola primaria

 

  1. Come saranno organizzate le prove del concorso 2019?

Il candidato deve presentare alla commissione la progettazione di un’attività didattica riferita ai campi di esperienza/ discipline, comprensiva dell’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche, metodologiche compiute e di esempi di  utilizzo pratico delle Tecnologie dell’informazione e della comunicazione(TIC).   

La commissione infatti valuterà  

    • LA CAPACITÀ DI PROGETTAZIONE DIDATTICA intesa come la capacità del candidato di presentare l’inquadramento generale e specifico della progettazione; la definizione delle diverse fasi della progettazione; la realizzazione del percorso didattico; l’originalità e la pertinenza nella trattazione.
    • LA PADRONANZA DEI CONTENUTI DEI CAMPI DI ESPERIENZA/ DISCIPLINE   in relazione alle competenze metodologiche intesa come la capacità del candidato di presentare le scelte metodologiche in relazione all’argomento assegnato; l’individuazione dei linguaggi, dei metodi e delle risorse strumentali; la definizione delle azioni di osservazione; il riferimento alle Indicazioni nazionali per il curricolo.
    • La competenza nell’UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE DELL’INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE applicata alla didattica intesa come la capacità del candidato di scegliere e utilizzate efficaci tecnologie didattiche in relazione alla progettazione del percorso didattico.
    • Interlocuzione con la commissione sui CONTENUTI DELL’ARGOMENTO ASSEGNATO E SUI CONTENUTI DEL PROGRAMMA GENERALE e specifico di cui all’allegato A del decreto, intesa come la capacità del candidato di comunicare in modo chiaro, coerente e argomentato adeguato alle richieste; L’inquadramento generale e specifico delle tematiche oggetto di interlocuzione inserendo la normativa di settore .

PER LA SCUOLA PRIMARIA:

    • ABILITÀ DI COMPRENSIONE SCRITTA E PRODUZIONE ORALE IN INGLESE (livello B2 QCER) e competenza in didattica della lingua inglese. Nella tabella di valutazione (allegato B del Bando) tale abilità è intesa come capacità di:
      • di comprensione, di argomentazione e di esposizione;
      • di correttezza grammaticale e sintattica;
      • di utilizzo corretto di espressioni di ordine generale e professionale;
      • di appropriate scelte didattico – metodologiche
    • Per il candidato della scuola primaria al fine del conseguimento dell’idoneità all’insegnamento della lingua inglese, la prova orale (il cui superamento corrisponde “fino a 5 punti”) valuta l’abilità di comprensione scritta (lettura) e produzione orale (parlato) in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue e la relativa competenza didattica.

PER LA SCUOLA DELL’INFANZIA :

  • ABILITÀ DI COMPRENSIONE SCRITTA E PRODUZIONE ORALE (livello B2 QCER) in una delle quattro lingue comunitarie ( Inglese , Francese, Spagnolo, tedesco) intesa come la capacità del candidato di comprensione , di argomentazione e di esposizione; la correttezza grammaticale e sintattica; la capacità di utilizzare correttamente espressioni di ordine generale e professionale.

 

 

2) Tra i temi contenuti nel manuale, a quali occorre prestare particolare attenzione a suo avviso?

Come prima cosa il candidato deve conoscere MOLTO bene i seguenti Documenti Ministeriali:

 

  • Indicazioni nazionali per il Curricolo della scuola dell’Infanzia e del primo ciclo 2012
  • Indicazioni nazionali e Nuovi Scenari 2018
  • Autonomia scolastica per il successo formativo 2018

 

 

Per entrambi gli ordini di scuola (Infanzia – Primaria) suggeriamo di porre attenzione alla prima parte dei Manuali  dove si analizzano aspetti generali riferiti esclusivamente alla prova orale, dove viene presentato il format di progettazione che i candidati devono avere ben chiaro per poter presentare l’attività didattica alla commissione.  In particolare:

  • Come prepararsi alla prova orale – Simulazione di una prova orale La situazione d’esame
  • Progettare una attività didattica   – Format di progettazione
  • Una esperienza di apprendimento (esempio di una possibile progettazione)
  • Ora tocca a te!  (ripresa del format di progettazione con domande  metacognitive rispetto alle attività che si intendono realizzare )

In generale la parte seconda serve al candidato per dare una giustificazione teorica alle scelte effettuate nella progettazione didattica. Tali giustificazioni sono rintracciabili in tutte le unità dei volumi.

 

  1. Quali argomenti occorre preparare con particolare attenzione per l’Infanzia?

LA SCUOLA DELL’INFANZIA NELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012  ( sapere bene l’idea di scuola- di Cultura di Persona . Idea di Competenze  in riferimento anche alle competenze europee.)

  • I CAMPI DI ESPERIENZA  ( da sapere bene le finalità e gli aspetti didattici e metodologici sotesi )
  • I diversi tipi di curricolo DELL’INFANZIA  ( cosa è il curricolo, idea di curricol sotteso , implicito , esplcitio
  • LA MEDIAZIONE DIDATTICA ( Gioco – ricerca esplorazione – laboratorio)
  • LA PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA  (quali elementi indispensabili – esempi di progettazione didattica )
  • AMBIENTE DI APRENDIMENTO  ( Spazio – tempo Routines)
  • OSSERVARE, VALUTARE E DOCUMENTARE NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA  ( pariole della valutazione. Tipi di valutazione – autovalutazione)
  • IL SISTEMA INTEGRATO 0- 6  ( da sapere molto bene in quanto è la novità principale per la scuola dell’Infanzia)
  • LA SCUOLA INCLUSIVA  ( da non dimenticare che nella progettazione si devono inserire le modalità di personalizzazione / individualizzazione dell’Insegnamento. Questo capitolo vi aiuta a capirne il significato )
  • LE TECNOLOGIE INFORMATICHE E LORO POTENZIALITÀ NELLA SCUOLA ( qui si trovano alcuni applicativi utilizzabili nella scuola dell’Infanzia )

 

4) E per la primaria?

  • IL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE – (Argomento da non sottovalutare in particolare la parte riferita al RAV , ai piani di miglioramento e alle ricadute sul PTOF)
  • LE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO- (Anche qui sapere bene l’idea di scuola- di Cultura  di Persona . Idea di Competenze in riferimento anche alle competenze europee.)
  • DISCIPLINE DI STUDIO  – ( da conoscere  a fondo la finalità delle discipline , in particolare quella della propria progettazione )
  • METODOLOGIE DIDATTICHE. ( serve per scegliere quelle che  si intedono proporre nella progettazione didattica )
  • DIDATTICA ESPERIENZIALE E LABORATORIALE ( Utile per  giustificare la parte del laboratorio nella progettazione didattica)
  • STILI DI INSEGNAMENTO E MODELLI DI CONDUZIONE DELL’AZIONE DIDATTICA ( importanti per evidenziare come all’interno di una progettazione si possono usare varie modalità di insegnamento/ apprendimento)
  • DALLE INDICAZIONI AL CURRICOLO DI SCUOLA  ( importante che il candidato colga gli aspetti del curricolo di scuola dai quali poter cogliere gli elementi della progettazione didattica)
  • LA PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICAquali elementi indispensabili – esempi di progettazione didattica  dalla prima alla quinta)
  • AMBIENTE DI APPRENDIMENTO  -( come contesto dell’azione didattica che deve tener conti di alcuni elementi essenziali e imprescindibili)   
  • VALUTARE E CERTIFICARE NELLA SCUOLA PRIMARIA –( Qui il candidato deve saper bene la differenza tra valutazione e certificazione , analisi del  Dlgs62/2017 e del modello di certificazione con le linee guida per la certificazione)   
  • LA SCUOLA INCLUSIVA – Scuola di tutti e di ciascuno – ( Disabilità- BES – Intercultura- argomenti fondamentali da inserire nella progettazione didattica nella logica inclusiva )  
  • LA CONTINUITA’ ORIZZONTALE E VERTICALE –  ( attensione alla continuità orizzontale e verticale e buone pratiche )
  • LE TECNOLOGIE INFORMATICHE E LORO POTENZIALITÀ NELLA SCUOLA- ( Le tecnologie per la didattica, e analisi di 20 applicativi utili da utilizzare nelle diverse fasi della progettazione)

 

5) Rispetto ai precedenti concorsi, quali temi sono nuovi?

RAV,PDM,PTOF,rendicontazione sociale

  • Certificazione delle competenze
  • Ambienti di apprendimento innovativi
  • Il  sistema integrato zero-sei
  • Le tecnologie informatiche e le loro potenzialita’ didattiche

 

5) Quale consiglio si sente di dare a coloro che concorreranno al bando?

Studiare con metodo, pianificando accuratamente le fasi del proprio lavoro e operando sulla memorizzazione di concetti chiave, costruendo connessioni e collegamenti di senso tra i vari argomenti.  

Produzione riservata
Commenti