[Video] Intelligenza Artificiale, Rivoltella e lo sguardo mediaeducativo

di Maria Cristina Garbui

[Video] Intelligenza Artificiale, Rivoltella e lo sguardo mediaeducativo

[Video] Intelligenza Artificiale, Rivoltella e lo sguardo mediaeducativo


di Enrica Bricchetto

Il direttore del Cremit Pier Cesare Rivoltella è intervenuto alla conferenza EduIA 2020 (è possibile ascoltare il suo contributo a partire dal minuto 45:33), organizzata dall’Università di Roma 3 il 5 e 6 novembre online.

Sedici studiosi hanno declinato il concetto di Intelligenza Artificiale in chiave interdisciplinare  praticamente da tutti i punti di vista: pedagogico, informatico, filosofico, sociologico e psicologico. 

Pier Cesare Rivoltella ha affrontato il tema dal punto di vista della Media Literacy Education (per approfondire si consiglia la lettura del testo Nuovi Alfabeti. Educazione e culture nella società post-mediale) e ha chiarito quanto e come nella società dei dati, incarnazione dell’Intelligenza Artificiale, sia necessario rinnovare e cambiare gli strumenti. 

Chi vorrà rivedere l’intero intervento si farà un’idea chiara della società della datazione, sul nesso tra la misurazione dei dati e il  controllo, in cui gli algoritmi provano a facilitare la complessità delle informazioni e proprio per questo dirigono le scelte individuali. 

Rivoltella ha fatto un quadro realistico e preoccupato della datificazione che caratterizza il nostro tempo: i dati sono attivi, sono efficienti, hanno una numerosità infinita, modificano la vita dei singoli e della società. Come reagisce chi si occupa di educazione ai media? Con Nuove literacies nella società della datificazione, che è anche  il titolo dell’intervento di Rivoltella. 

Oggi bisogna educare ai processi, accompagnare le persone, dai bambini agli anziani, a riflettere sugli scenari che i dati creano  e interpretano.

Oggi è necessario rivedere o aumentare la categoria di spirito critico: non si tratta più di smascherare o di decostruire l’universo mediale ma di porre in discussione l’efficienza, comprendere i processi di elaborazione dei dati, di elaborare metodi di analisi sulla nostra realtà. 

Se la profilazione degli utenti inizia praticamente dalla culla con l’Internet of Toys – passaggio molto interessante che Rivoltella fa quasi in conclusione del suo intervento –  è cruciale dotare tutti di strumenti per orientarsi.

La conclusione vera di questo intervento, pieno di riferimenti culturali e di rielaborazioni personali, è che, se molto da parte degli studiosi è stato capito, non altrettanto è entrato nel dibattito pubblico.  La scarsa consapevolezza con la quale cittadine e cittadini si  confrontano con il mondo dei dati è frutto di una discorsivizzazione superficiale, lasciata a sedicenti esperti della comunicazione che non mediano la complessità e i veri rischi.


Per approfondire:

Univ. Cattolica del Sacro Cuore
Largo Fra Agostino Gemelli, 1 - 20123 Milano
Tel. 02-72343038 / 02-72343036 (direzione)
info[at]cremit.it


facebook instagram vimeo twitter linkedin telegram

Web site developed by Gianni Messina
© CREMIT tutti i diritti riservati