Centro di Ricerca sull'Educazione ai Media all'Informazione e alla Tecnologia

“La comunicazione oggi: diventare autori di comunicazione responsabili e critici”

“La comunicazione oggi: diventare autori di comunicazione responsabili e critici” 26 Marzo 2019

Il percorso sulle fake news condotto all’oratorio San Luigi di Gorgonzola si chiude con un intervento di don Andrea Rabassini, che ha coinvolto CREMIT e che ha voluto questa iniziativa per la sua comunità (adulti, genitori e ragazzi). Ecco le parole di don Andrea:

“La verità vi farà liberi” (Gv 8,32). 

Mi ha sempre colpito molto questo versetto del Vangelo di Giovanni e l’ho sempre sentito mio, vero per me. Siamo abituati a pensare alla verità solo come a qualcosa che è da cercare o da dire, un oggetto su cui o verso cui noi facciamo o non facciamo qualcosa; il Vangelo invece ci dice che è la verità che ha il potere di fare qualcosa per noi o “su” di noi.

In particolare, la verità ha il potere di far crescere e maturare la nostra umanità. Per questa sua capacità performativa allora la verità va cercata, fatta, detta, custodita, difesa. Ma la realtà in cui viviamo mi sembra passare un altro messaggio: la verità è qualcosa che si può costruire a tavolino e per perseguire un obiettivo specifico; la verità è qualcosa che “più è gridata” e più è vera… la verità, in fin dei conti, è poco più di un opinione: ognuno può avere la sua. 

Mi sembra che oggi il mondo di internet, in particolare la realtà dei social, finisca molto spesso per veicolare questa immagine “distorta” e pericolosa della verità. Da qui il desiderio di aiutare i nostri ragazzi ad acquisire alcuni strumenti utili per “diventare autori di comunicazione responsabili e critici” e non solo fruitori, consumatori passivi e distratti di contenuti creati ad arte per fini non sempre dichiarati e non sempre utili per la crescita di una umanità bella, di una umanità vera.

Don Andrea Rabassini.

Condividiamo l’articolo dedicato al percorso, per recuperare il senso del lavoro condotto.

Produzione riservata
Commenti