Centro di Ricerca sull'Educazione ai Media all'Informazione e alla Tecnologia

Parole a scuola, il 9 febbraio a Milano

Parole a scuola, il 9 febbraio a Milano 24 gennaio 2018

Il prossimo 9 febbraio 2018 il Campus di Largo Gemelli dell’Università Cattolica di Milano ospiterà Parole a scuola, una giornata di formazione per gli insegnanti di ogni ordine e grado sul tema delle competenze digitali e della prevenzione al cyberbullying. L’evento è organizzato dall’ ATS Parole O_Stili (formata dall’Associazione Parole O_Stili, l’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo), in collaborazione con il Miur e in occasione del Safer Internet Day (la Giornata Mondiale della Sicurezza in Rete).

Parole a scuola “ha lo scopo di fornire gli strumenti per educare alla cittadinanza digitale e per creare nuovi percorsi didattici che portino il Manifesto della comunicazione non ostile nelle classi d’Italia”. Si tratta infatti di un momento unico di confronto, riflessione e condivisione di buone pratiche e attivazione di percorsi virtuosi, a partire da oltre 25 incontri formativi tra lezioni frontali e workshop interattivi in programma (alcuni dei quali saranno visibili in diretta streaming). La sede milanese dell’Ateneo ha previsto due sessioni principali dell’evento:

  • una plenaria, dalle 9:30 alle 10:45, con l’intervento di Vera Gheno, in apertura, su Il Glossario della rete e, a seguire, la presentazione da parte della Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli dei nuovi dati EU Kids Online sugli usi, i rischi e le opportunità di Internet per i minori italiani;
  • panel/ laboratori, dalle 11:00 alle 17:00, di 50-100′ ciascuno  su temi specifici, tenuti da docenti dell’Università Cattolica e di altri importanti atenei italiani, esperti di comunicazione, marketing e social media, giornalisti, specialisti della formazione e della cultura italiana e insegnanti che hanno già utilizzato il manifesto come strumento didattico.

CREMIT, in particolar modo, sarà impegnato su due fronti:

  1. il panel di pedagogia su Educazione Civica Digitale, progettato con il prezioso contributo di Damien Lanfrey (esponente del Miur), la dotazione tecnologica del nostro partner Samsung e sede di lancio del Questionario sulla Dieta Mediale studiato dai ricercatori Cremit per le scuole;
  2. i workshop tematici su Educazione digitale nella scuola primaria, Leggere il Web a scuola e in famiglia, Screen Education: leggere gli schermi con senso critico e un laboratorio su Power App: narrare storie e costruire immagini nel digitale mediante pics e videoshow.

Per restare aggiornati sul programma e iscriversi ai singoli panel/ laboratori, questo è il link sul sito Parole O_Stili di riferimento.

Come piccola anticipazione dell’evento, ecco la clip della Prof.ssa Simona Ferrari, coordinatrice di Cremit, resa disponibile da Rapporto Giovani: “il web amplifica comportamenti di scherno”, così la Dott.ssa Ferrari spiega come anche online ogni atto abbia una conseguenza; la soluzione, suggerisce, è di pensare a cosa comporterebbe condividere in un ambiente digitale pubblico una comunicazione privata dettata da ilarità e un esercizio molto utile, in questo senso, è quello di far immaginare ai ragazzi di affiggere quello stesso atto comunicativo con un post-it su di una bacheca che potrebbe vedere chiunque. Chissà che, riflettendovi così, non desisterebbero dal farlo realmente.

 

Produzione riservata
Commenti